La vitamina D è per tutti?

La vitamina D è una forma di integrazione che possiamo consigliare a tutti? Risponde il Dottor Francesco Di Pierro, esperto in Nutraceutica.

di Redazione 7 Novembre 2020

Sconsigliato il “fai da te”

La risposta è sì.

Va comunque sottolineato che è sempre meglio assumere la vitamina D dopo aver consultato il proprio medico: infatti, l’integratore viene in genere vissuto come una forma di automedicazione che, in quanto tale, può essere gestita dal singolo individuo.

Nel caso della vitamina D, invece, è più corretto fare prima un prelievo del sangue per sapere il nostro valore e poi parlare con il medico di famiglia per concordare il dosaggio. Non è consigliabile assumere autonomamente la vitamina D solo perché si è, ad esempio, raffreddati in maniera continuativa. Essere raffreddati in maniera continuativa è un segnale di allarme: si parlerà allora con il proprio medico che prescriverà le analisi e, dopo aver consultato i valori, vedrà se quello era un possibile motivo di un nostro non completo benessere.

Tags:

La riproduzione di questo contenuto è consentita previa autorizzazione della redazione ed esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte www.portaleintegratori.it

ASSOCIAZIONE ITALIANA LATTO-INTOLLERANTI ONLUS (AILI) rappresenta l’Associazione di riferimento per la categoria degli intolleranti al lattosio in Italia.

Vitafoods Europe è il più approfondito evento dedicato al mondo della nutraceutica. Nel 2017 ha ospitato 1.100 espositori e 21.000 visitatori.

Seguici sui nostri social: