Immunostimolazione: quali sono gli integratori più diffusi?

L'immunostimolazione, specialmente nella prima infanzia, è fondamentale per ridurre il rischio di infezioni: il Dottor Francesco Di Pierro, esperto in Nutraceutica, fa una panoramica degli integratori più diffusi a tale scopo.

di Redazione 1 Luglio 2017

In ambito pediatrico, ma anche in età adulta con dosaggi maggiori, gli immunostimolanti più diffusi sono quelli che derivano da una pianta nota come “echinacea”, nelle sue varietà come la pallida, la purpurea e l’angustifolia. Le ultime due, se di qualità, sono capaci di immunomodulare e anche di prevenire eccessive ricorrenze, soprattutto verso patologie virali.

Echinacea e derivati sono i più rilevanti per quanto riguarda l’immunostimolazione, aggiungendo a questi anche i lisati batterici, ma è possibile anche parlare di prevenzione di alcune infezioni respiratorie ricorrenti, soprattutto faringee, come le faringotonsilliti streptococciche. Oggi è possibile ridurle utilizzando alcuni ceppi batterici, il più comune dei quali è lo Streptococcus salivarius K12, che si è dimostrato clinicamente capace di ridurre anche dell’80% gli episodi di infezione tonsillare, sia streptococciche che virali.

Questi ceppi batterici possono essere facilmente reperiti in farmacia, dopo un’adeguata diagnosi e conseguente suggerimento terapeutico da parte del medico.


La riproduzione di questo contenuto è consentita previa autorizzazione della redazione ed esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte www.portaleintegratori.it

ligatender

ASSOCIAZIONE ITALIANA LATTO-INTOLLERANTI ONLUS (AILI) rappresenta l’Associazione di riferimento per la categoria degli intolleranti al lattosio in Italia.

Vitafoods Europe è il più approfondito evento dedicato al mondo della nutraceutica. Nel 2017 ha ospitato 1.100 espositori e 21.000 visitatori.

Seguici sui nostri social:

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK